Cerca nel blog

sabato 26 dicembre 2015

Piero


Avrà trent'anni per sempre chi se n'è andato trent'anni fa.

Se è andato all'improvviso senza finire il libro che stava leggendo, senza vedere realizzarsi molti progetti, senza trasmettere qualcosa ad un figlio. Non ha conosciuto la caduta del Muro, la crisi economica, i calcoli renali né quelli dell'INPS. Non ha accudito genitori invecchiati, non ha sofferto per amori spezzati, non ha assaggiato nuovi gelati.

venerdì 25 dicembre 2015

Natale


Oggi ho bisogno di vedere i miei bambini con il pigiama a quadretti e i piedi nudi che attraversano il salone ancora mezzo addormentati - il più piccolo in braccio al padre - guardando l'enorme albero dove, dopo nutriente colazione, correranno ad aprire i regali portati da Babbo Natale.

giovedì 3 dicembre 2015

Donne calpestate


In questi difficili tempi di guerra l'Occidente sta facendo alleanze con paesi come la Turchia e l'Arabia Saudita dove è un eufemismo dire che i diritti delle donne sono calpestati, perché le donne non sono quasi considerati esseri umani.

sabato 21 novembre 2015

Not in my name

Mustafa è un nome come Giuseppe, Abdullah forse è Gianni e Aisha qualcosa come Laura. Per chi è cresciuto all'ombra di un campanile forse Mustafa, Abdullah e Aisha richiamano storie da "Mille e una notte", ma per i bambini di oggi sono i nomi dei compagni di scuola, esattamente come Arturo, Reinaldo, Sorin, Carolina e Yoke Min.

martedì 17 novembre 2015

#ParigiPerMe

#ParigiPerMe sono i racconti di mia nonna, nata e cresciuta a Parigi agli inizi del secolo scorso, figlia di persone che avevano lasciato le valli piemontesi alla ricerca di miglior fortuna. Sono i racconti di una vita di lavoro e di divertimento, dove il sabato sera, dopo un'intera settimana di fatica, si indossavano gli abiti più fini per scatenarsi in cenoni e balli.

Grammatica e tabelline


Quando, in una scuola elementare torinese tra le più quotate e ben frequentate, sento dire che la grammatica viene sostituita da "riflessione linguistica con contenuti non prescrittivi", penso alla mia maestra e le sono grata per avermi prescritto accenti e congiuntivi.

Indipendente?


Nel pieno della crisi della carta stampata, imputata principalmente alla rivoluzione digitale che ha sconvolto mezzi ed abitudini, si diffondono in città le librerie cosiddette "indipendenti".

domenica 9 agosto 2015

Potere dell'articolo

Il titolo di testa de La Stampa di qualche giorno fa recita: "Rai: è Maggioni il presidente". Se non conoscessi per altri motivi la brava Monica Maggioni o se non approfondissi leggendo l'articolo, penserei immediatamente che è stato eletto un personaggio in giacca e cravatta. 

sabato 20 giugno 2015

Nascere

Leggo con piacere che l'ospedale Sant'Anna si è dotato di una casa del parto in cui le donne possono partorire in modo naturale godendo di un ambiente allestito come una casa, lontane dalla medicalizzazione delle tradizionali sale parto e nel contempo con tutto il necessario a portata di mano in caso di complicazioni.

sabato 4 aprile 2015

Every other year

A Torino siamo democratici un anno sì è un anno no. Dico subito il nome ed il cognome di quanto ha scatenato la mia indignazione: Biennale Democrazia. Quelli di sinistra ne vanno pazzi, tutti a riempire le comode poltrone del Teatro Regio appesi alle labbra di intellettuali vecchi, mentre in periferia e in provincia giovani jihadisti nostrani organizzano il terrore connettendosi al web.

venerdì 27 marzo 2015

Priceless

Facevo la coda in un cinema del centro quando è arrivato un volto noto di cui non rivelerò il cognome nemmeno sotto tortura. Dopo avermi superata per raggiungere i suoi amici, ha dichiarato apertamente di aver diritto a non pagare il biglietto per sè e per un accompagnatore. Infatti, arrivata di fronte alla cassiera, ha sorriso e tirato dritto.

giovedì 29 gennaio 2015

Conversazione

LEI             Caro, ho capito che ti amo veramente.
LUI             Ah...
(continua a leggere il quotidiano mentre sbadiglia di fronte alla TV accesa)
LEI             Davvero, sai? L'ho proprio capito con chiarezza di nuovo in questi giorni.
(si accuccia sul divano e gli va più vicino)
LUI             Ah sì? Che cosa?
LEI             Come "che cosa"? Che ti amo veramente!
(la voce tradisce una leggera irritazione)